LO STILE SHABBY CHIC: COME RICREARLO A CASA PROPRIA SENZA INCORRERE IN ERRORI

 


Shabby chic letteralmente significa “Sciupato Elegante”, non è uno stile improvvisato ma segue delle regole precise.

Lo stile shabby chic ha avuto origine nelle campagne inglesi durante il periodo Vittoriano, dove le case venivano arredate con mobili vecchi e sbiaditi, senza troppe pretese insomma. L’espressione viene usata per la prima volta negli anni ’80 dalla rivista inglese “The World of Interiors” che ne conia il termine: si incomincia a parlare di uno stile contraddistinto dalla cura del particolare che recuperando vecchi mobili crea ambienti familiari, accoglienti, volutamente “sciupati” ma assolutamente eleganti.

Lo stile shabby chic è uno degli stili più di tendenza nel campo dell’arredamento per quel tocco romantico ed elegante che riesce ad imprimere agli ambienti, permettendo di recuperare antichi mobili (magari di famiglia che nascondono un forte valore affettivo) decapandoli e facendoli apparire un po’ rovinati, vissuti.
Il concetto di base è di imitare uno stile retrò prediligendo materiali naturali come la pietra e il legno.



Per arredare casa in stile shabby chic è necessario seguire delle regole ben precise, vediamone alcune.
Mai usare colori accesi, preferire le tinte tenui come il bianco, beige, crema, avorio, tortora, grigi chiari e i colori pastello.
Usare molti particolari in cotone o lino (sempre chiari ovviamente), si possono usare anche pizzi e merletti ma in maniera moderata per evitare l’effetto stucchevole.



Perfetto impreziosire gli ambienti con oggetti antichi come candelabri, candele, cornici, specchi sempre di materiali chiari e meglio con una finitura dall’effetto sciupato ma, attenzione, a non scegliere antichi oggetti a casaccio.



Importante nello stile shabby chic è l’illuminazione che deve essere studiata attentamente: questo tipo di arredamento prevede diversi punti luce formati da lampadari, lampade da terra, lanterne, lampadari a soffitto che contribuiscono a creare un ambiente soft e rilassante.
In ultimo, scegliere mobili dalle linee morbide, arrotondati, intarsiati, di legno chiaro.



È molto difficile mantenere una certa coerenza, come per altro per tutti gli stili di arredamento, ma con lo shabby chic il rischio è quello di esagerare con i dettagli e di arricchire troppo le stanze facendole risultare eccessivamente pacchiane e soffocanti.
 

Commenti

Post popolari in questo blog

VALUTAZIONE IMMOBILIARE: PERCHE' E' COSì IMPORTANTE CENTRARE IL VALORE DI MERCATO DI UN IMMOBILE

PARQUET: UN MATERIALE NATURALE RICCO DI STORIA